Il Centro Maia consiglia…biodanza!

Standard

BIODANZA

Ciao a tutti e bentornati al nostro appuntamento biodanzante.

Per oggi ho deciso di portarvi nel favoloso mondo degli animali. Stiamo vedendo scene stupende dove gli animali indisturbati dagli esseri umani si stanno riappropriando dei territori che sono normalmente di nostro appannaggio, esempio i delfini nella laguna di Venezia.

E allora vi invito ad entrare in questo mondo, di diventare animali !!!! Ogni essere umano è un meraviglioso “contenitore” di un tutto, dentro ognuno di noi abbiamo tutte le emozioni e sensazioni che possiamo richiamare come desideriamo e allora andiamo a vedere come ogni animale ha la sua caratteristica. Oggi ne incontreremo due e, il mio consiglio è di entrare in sintonia con questa creatura e “sentire” e “manifestare” la sua peculiarità.

Il primo animale che vedremo è uno molto grande e pesante ….. l’avete indovinato? È l’ELEFANTE. Questo animale si muove lentamente e con passo imponente… Arriverà una musica che vi porterà nel giusto ritmo … il passo si fa più calmo, pesante e compare anche una proboscide (un braccio davanti al naso) e una piccola coda (utilizzare l’altro braccio)… Con l’andare della musica gli elefanti possono anche unirsi, proboscide con la coda di chi si ha davanti.

Secondo animale che vi propongo è … la scimmietta …. Che caratteristica ha questo animale? Si muove in maniera buffa, si gratta ovunque, va a spidocchiare i compagni … vi invito quindi a fare lo stesso!!! Muovete il bacino e tutto il corpo, divertitevi, non abbiate paura di essere ridicoli … questo è anche l’obiettivo di questo esercizio, uscire dagli stereotipi e … concedersi di divertirsi insieme !!!

 

Buon divertimento!

Stefania Borgonovo, operatrice di Biodanza

 

Il Centro Maia consiglia…un’attività!

Standard
PROFUMATORI PER LA CASA
Materiali: Buccia d’arancia o mandarini, formine per i dolci, ago e filo
Chi: età 4-8 anni con supervisione adulto
 
Una casa sempre pulita e profumata è il sogno di tutti e la persistenza di un profumo nell’ambiente permette a tutti di vivere più serenamente l’ambiente domestico, dove ultimamente per ragioni che tutti ben sappiamo stiamo passando molto tempo.
Allora approfittiamo delle ultime settimane con i caloriferi accesi (speriamo) e costruiamo i nostri profumatori personalizzati.
Marta Ricca, tirocinante pedagogista

Il Centro Maia consiglia…un’attività!

Standard

(RI)COSTRUIRE LA QUOTIDIANITA’

Materiali: Foglio, righello, pennarelli

Chi: Tutta la famiglia 

Ci troviamo in un momento difficile e particolare per noi adulti, così come per i nostri bambini. Da un giorno all’altro ci siamo trovati chiusi in casa e la nostra quotidianità è stata completamente cancellata. Per i bambini le routine costituiscono una serie di momenti che si presentano durante l’arco della giornata e della settimana in maniera costante e ricorrente, caratterizzata da momenti ben precisi. Pensate ad una semplice giornata di vostro figlio: si alza, saluta mamma e papà, colazione, asilo (con altrettante abitudini e routine precise e concordate), suona la campanella e mi viene a prendere mamma/nonni, faccio merenda, guardo un può di tele, disegno/compiti, mi lavo, ceno, vado a letto e mi preparo per la giornata di domani che come caratterista magari aveva dopo la scuola la piscina. Le giornate sono state organizzate magari a inizio anno, quando è stato scoperto giorno e orario degli allenamenti, rientri pomeridiani di scuola, orari di lavoro ecc., e da allora tutta la settimana è organizzata. Ora che siamo a casa, e lo saremo per un pò di tempo ancora, dobbiamo cercare di dare alla famiglia un ritmo cadenzato e organizzato. Questo andrà a soddisfare i bisogni fondamentali del bambino, dando una valenza importante di orientamento rispetto ai tempi e al succedersi delle diverse situazioni della giornata, potenziando anche molte competenze di tipo personale, comunicativo, espressivo e cognitivo. Sarà anche utile a voi genitori per mantenere un certo equilibrio. Ecco che in questo video vi farò vedere come creare una tabella visiva della vostra routine settimanale (se i vostri bimbi sono molto piccoli potete utilizzare dei disegni al posto delle scritte). Nella seconda parte di video troverete la tabella dei turni delle faccende domestiche. Si perché imparare ad assumersi le proprie responsabilità rappresenta uno step importantissimo nello sviluppo del bambino, grazie a questo processo accrescerà il proprio livello di autonomia e indipendenza. Per farlo può essere molto utile coinvolgere il bambino nelle faccende domestiche, affidandogli compiti precisi e adatti alla sua età. Questi suggerimenti sono utili in questo momento di emergenza sanitaria dove tutta la famiglia si trova riunita in casa, ma posso benissimo adattarli per la vita familiare di tutti i giorni tenendo presente gli impegni e gli orari di tutti i componenti della famiglia.
Ecco come organizzare la vita quotidiana con i bambini.

Marta Ricca, tirocinante pedagogista

Il Centro Maia consiglia…una ricetta!

Standard

“CUCINO CON TE… LA FOCACCIA!” 

1

INGREDIENTI : 

2

COME SI FA: 

3

TAGLIARE A PICCOLI PEZZI GLI AROMI CHE HAI SCELTO PER INSAPORIRE LA TUA FOCACCIA. IO HO SCELTO LE OLIVE! 

VERSA LA FARINA SUL TAVOLO E CON LA MANO CREA UN VULCANO. 

AL CENTRO VERSA IL LIEVITO, IL SALE, L’ACQUA E L’OLIO.  

 IMPASTA FINO AD AVERE UNA PALLA LISCIA ED OMOGENEA. 

AGGIUNGI ALL’IMPASTO GLI AROMI. UNGI UNA PIROFILA O UNA TEGLIA ED INSERISCI L’IMPASTO.  

(L’IMPASTO DOVREBBE AVERE UNO SPESSORE DI CIRCA 2 CM)  

VERSA SULL’IMPASTO 4 O 5 CUCCHIAIO DI ACQUA, 2 CUCCHIAI DI OLIO ED UN PIZZICO DI SALE. 

BUCHERELLA CON LE DITA L’IMPASTO. 

INFORNA A 160°C PER I PRIMI 15 MINUTI E A 200°C PER I SUCCESSIVI 10 MINUTI.  

BUON APPETITO!

Chiara Beffani, educatrice

Il Centro Maia consiglia…NaDì!

Standard

Ecco qui un consiglio di Alice, pedagogista, fondatrice di #NaDì (Nati Digitali).

#Lavaggio delle #mani a misura di #bambino ~ mani curiose, bolle di sapone e animali bizzarri. Perché lavarsi le mani diventi un momento di cura ricco di significato e non un gesto frettoloso! 🚿🧼🤲🏻

Il Centro Maia consiglia…biodanza!

Standard

Buongiorno a tutti, e benvenuti al secondo incontro di biodanza.

Oggi ho pensato di proporvi un gioco che i bambini conoscono e che li ha sempre fatti molto divertire. Invito quindi mamme e papà a diventare piccoli, contattare il proprio bambino interiore, che è sempre presente in ognuno, e permettersi di non pensare a preoccupazioni e doveri, ma di concedersi un momento di divertimento puro insieme ai propri figli.

Ma andiamo a presentare il gioco: LE BELLE STATUINE.

Abbiamo bisogno:

– di una persona che rimane vicino alla musica perché dovrà a volte interromperla e riprenderla dopo pochi secondi,

– partecipanti all’ attività (da uno in poi….)

Il gioco probabilmente lo conoscete già, ma ve lo spiego brevemente. Quando Inizia la musica tutti iniziano a muoversi come desiderano … fino a quando non sentono un interruzione (la musica si ferma) e chi sta danzando si deve fermare e rimanere il più possibile immobile nell’ ultima posizione avuta prima dello stop fino a quando la canzone non riprende.

Chi si occupa della musica, dovrà ogni tanto stopparla per qualche secondo e poi farla continuare. Può inoltre decidere se far muovere da soli o a due i partecipanti. Se si sceglie di proporre la danza a due, significa che si dovrà danzare tenuti per mano. In questo caso, quando la musica si interrompe, i due partecipanti dovranno fermarsi sempre tenuti per mano.

Bene allora … possiamo iniziare e…. buon divertimento!!!

Stefania Borgonovo, operatrice di Biodanza