Archivio mensile:maggio 2016

Il Centro Maia consiglia…

Standard

PRIMA DI ME.

di Luisa Mattia e Mook.

13329916_10208396126757205_228263192_n

“Prima di me non c’era niente. 
E invece no. Prima di me c’erano tutti”. 
Prima di me è la voce di un bambino che sta per venire alla luce e compone, come le tessere di un mosaico, il suo formarsi. 
Luisa Mattia ripercorre con delicata poesia le domande che i bambini rivolgono ai genitori intorno alla loro nascita e, pagina dopo pagina, ci conduce in un viaggio nel tempo e nello spazio. La voce bambina immaginata dall’autrice racconta, così, del proprio prendere forma, del sentirsi acqua, vento, luce, uccello senza ali, brivido, gioia e poi il crescere e il delinearsi delle diverse parti del corpo, fino al momento in cui si viene al mondo, in cui l’identità è segnata con forza dal ricevere un nome.
Il testo, anche attraverso l’intensità delle immagini astratte e dai colori vivi e forti, non solo offre ai bambini un percorso ricco di scoperte e sensazioni ma interroga il lettore adulto sulla grandezza e la bellezza del creato di cui siamo parte.
Buona Lettura.

SCHEDA LIBRO
 
Autore: Luisa Mattia
Illustratore: Mook (Francesca Crisafulli e Carlo Nannetti)
Edizione: Topipittori coll. I grandi e i piccoli – 2016
Fascia d’età: da 3 anni

(A cura di: Elisa Mazzella,Pedagogista)

13334367_10208396126677203_1638705013_o
Annunci

Il Centro Maia consiglia…

Standard

Giocare con il respiro

 

 

Siamo spesso portati a considerare la funzione respiratoria esclusivamente come funzione vitale. Vi sono tuttavia delle valenze emotive ed affettive importantissime legate al respiro. Innanzitutto il cominciare a respirare da solo coincide, per il neonato, con il taglio del cordone ombelicale ed il conseguente pianto, con il quale per la prima volta il bambino porta l’aria ai polmoni e affronta il primo piccolo distacco dalla mamma; subito dopo il suo organismo entra in funzione in modo completo ed armonico.

 Anche gli adulti tuttavia, nonostante sia innato nell’individuo il bisogno di respirare, spesso non lo fanno nel modo più funzionale al proprio benessere psico-fisico. Può essere utile, dunque, utilizzare il respiro nel gioco con i nostri bambini. L’educazione respiratoria comprende diversi esercizi, oggi ci soffermeremo sugli esercizi DI SOFFIO, che solitamente divertono moltissimo i bambini e li aiutano a comprendere come il loro corpo possa modificare l’ambiente circostante attraverso l’azione.

Basterà acquistare diversi fogli di carta velina, di colori diversi, e tagliarne dei pezzetti di diverse forme e dimensioni . Una volta disposte le carte su di un tavolo o sul pavimento, si potrà mostrare al proprio bimbo come il nostro soffio può far volare tutti questi colori, vicino o lontano, a seconda della forza del nostro respiro. Calibrare l’intensità del soffio per far volare vicino o lontano i pezzetti di carta, riempire per bene i polmoni di aria prima di soffiare, aiuterà adulti e bambini a prendere consapevolezza del proprio corpo, a prestare attenzione a inspirazione ed espirazione e, soprattutto, a divertirsi!

(A cura di: Alice Di Leva, educatrice)
 

Alla scoperta dell’ACQUA!

Standard

Quarto e ultimo laboratorio sensoriale ed esperienziale “Alla scoperta dei 4 elementi”: i bambini sono liberi di esplorare, toccare, modificare ogni stimolo presente nell’ambiente, giocando con gli elementi della natura, accompagnati dalla musica, per vivere esperienze piacevoli che giovano alla maturazione senso-percettiva e motoria.

Cippy ci porterà a giocare con la sabbia e i giochi della spiaggia…in attesa dell’estate ci “tufferemo” nel mare con tanti piccoli amici! Tranquilli, Cippy vi presterà occhialini, asciugamano e cappellino! 😉

Laboratorio acqua

Il Centro Maia consiglia…

Standard

NUMI NUMI.

Antica Ninna Nanna Ebraica.

Numi Numi è un’antica ninna nanna della tradizione ebraica, che, nell’ascolto che proponiamo oggi, viene eseguita da voce femminile e chitarra. Il brano è strutturato in due strofe, ciascuna delle quali è suddivisa in tre parti. Nella prima il canto presenta la melodia principale, vi è poi un secondo momento in cui si delinea una nuova idea musicale, per chiudere, infine, con la ripresa del tema iniziale. Le due strofe sono intervallate da un passaggio strumentale, in cui la chitarra trae spunto ed elabora riccamente la melodia principale. 
L’andamento cullante, lento e dolce evoca un momento intimo e profondo. Questa antica ninna nanna rilassa il bambino e lo accompagna dolcemente nell’addormento. E quando il sonno del piccolo arriva, il suono della voce e della chitarra regala al genitore un prezioso attimo di tranquillità… Fatevi cullare…
Buon ascolto!

(A cura di: Musicoterapista Elisa Mazzella)

Alla scoperta della TERRA!

Standard

Terzo laboratorio sensoriale ed esperienziale “Alla scoperta dei 4 elementi”: i bambini sono liberi di esplorare, toccare, modificare ogni stimolo presente nell’ambiente, giocando con gli elementi della natura, accompagnati dalla musica, per vivere esperienze piacevoli che giovano alla maturazione senso-percettiva e motoria.

Cippy ci porterà a giocare con gli indiani, travasando e mescolando tutto ciò che troveremo……e chissà cosa nasconderà dentro il suo armadio….

 

Laboratorio terra

Il Centro Maia consiglia…

Standard

Topini di ravanelli e formaggio

Ecco a voi una ricetta simpatica e veloce per far conoscere questo ortaggio ai vostri bambini!

Ingredienti:

  • ravanelli
  • parmigiano
  • chiodi di garofano

 

Lavate e asciugate i ravanelli, eliminate le eventuali foglie ma non le radici (che serviranno come code). Per far si che il topino stia dritto tagliate una lamella alla base.

Ricavate lo spazio per gli occhi asportando due lamelle tondeggianti, il più possibile uguali, che serviranno poi a realizzare le orecchie. Appoggiate il topino sul tavolo e praticate due incisioni abbastanza profonde dove inserire le due orecchie.

Per gli occhi scegliete due chiodi di garofano delle stesse dimensioni e infilateli nel musino.

Ecco i vostri topini, accompagnateli con dei quadratini di formaggio come il parmigiano.

Potete coinvolgere i bambini più grandi nella preparazione dei topini!

(Fonte: http://ricetteperbambini.crescebene.com/ricette-per-bambini-topini-con-i-ravanelli-e-formaggio. Consultato il 06/05/2016)

 

La dietista informa …

Il periodo migliore per consumare questi piccoli ortaggi va dalla primavera inoltrata fino a settembre.

I ravanelli sono ricchi di vitamine A, C, vitamine del gruppo B e minerali come ferro, fosforo e calcio. Essi vantano proprietà depurative e diuretiche

ma non solo, è stata dimostrata anche la loro efficacia come alimento calmante della tosse. I ravanelli erano inoltre già conosciuti all’epoca dell’impero romano e usati per favorire il sonno grazie alle loro proprietà tranquillanti.

Pur essendo ricchi di proprietà benefiche, questi ortaggi possono avere qualche piccola controindicazione: potrebbero causare flatulenza e irritazione delle mucose intestinali.

Quando acquistate i ravanelli, preferite quelli più piccoli di dimensione: saranno più teneri e meno legnosi. È bene fare attenzione anche allo stato delle foglie, se non sono appassite stanno ad indicare la freschezza del prodotto. Per accentuare la loro croccantezza è possibile immergerli per un paio d’ore in acqua fredda prima di consumarli. I ravanelli possono essere conservati in frigorifero anche per una decina di giorni: dopo averli lavati accuratamente, avvolgeteli in un canovaccio umido riposto all’interno di un sacchetto aperto.

(a cura di: dietista Marcella Serioli)

 

5319_3_F[1]