Archivio mensile:settembre 2016

Il Centro Maia consiglia…

Standard

…una ricetta!

Fiori di pannocchie

g

Per salutare l’estate ecco un’idea per proporre ai vostri bimbi le pannocchie, ideali da consumare fresche in questa stagione!

La pannocchia è ottima arrostita o bollita e condita con sale e olio (o burro). Ma per i bambini a volte non è molto facile maneggiare una pannocchia… vediamo allora cosa si può fare!

Ingredienti

  • Una pannocchia a testa
  • Stecchini da spiedino

 

Pulite le pannocchie, eliminate le barbe e le foglie, lavatele con cura. Mettete a bollire una pentola d’acqua abbastanza capiente da contenere le pannocchie. Quando l’acqua inizierà a bollire immergete le pannocchie e contate 5-7 minuti di cottura dalla ripresa del bollore: a quel punto le pannocchie dovrebbero essere pronte. Per capirlo provate a pungerle con una forchetta. Una volta cotte potete condirle con un pizzico di sale e olio di oliva extravergine oppure lasciarle al naturale.

Prendete quindi le pannocchie e tagliatele in sezioni alte 4 file di chicchi; il risultato sarà un “fiore di mais” con il centro bianco e i chicchi gialli come petali. Infilatelo su di uno stecchino da spiedino e avrete lo stelo.

Potete disporre i vostri fiori di pannocchie all’interno di bicchierini, infilati su di una base morbida (per esempio un pezzo di zucchina cruda).

I fiori di mais sono ottimi per rallegrare il pasto ma anche come spuntino durante la giornata. Buon divertimento e buon appetito!

(Fonte: http://www.bebeblog.it/post/6448/ricette-per-bambini-i-fiori-fatti-con-le-pannocchie. Consultato il 26/09/2016)

 

La dietista informa…

Il mais, o granturco, è uno dei cereali più coltivati al mondo, utilizzato ampiamente nella cucina americana, africana e in parte europea. La sua versatilità lo rende impiegabile come cereale (chicchi in insalata, pannocchie arrostite, bollite), come farina (da cui nascono migliaia di preparazioni, compresa la nostra polenta), sotto forma di olio, come corn-flakes, pop-corn, amido.

Il mais, come tutti i cereali, ha un elevato potere saziante ed è una buona fonte di energia; il chicco è infatti costituito prevalentemente da carboidrati complessi (amidi), proteine e pochi grassi.

I chicchi di mais apportano minerali come potassio e buone quantità di ferro, e contengono vitamine tra cui la A e del gruppo B, sostanze antiossidanti e fibra.

Il mais è inoltre un cereale privo di glutine, adatto quindi all’alimentazione dei bimbi celiaci.

All’interno del pasto il mais si può inserire come alternativa al pane proprio per il suo elevato contenuto di carboidrati e può costituire uno spuntino saziante per bimbi grandi e piccini!

(A cura di: Marcella Serioli, Dietista)

Annunci

Laboratorio di Biodanza

Standard

Dove ci porterà l’avventurosa e coraggiosa Pocahontas?

Venite a scoprirlo Sabato 8 Ottobre alle ore 15.00 al Centro Maia!

E’ necessario prenotarsi inviando una mail a: centroperinatalemaia@gmail.com o un sms al numero: 340.2815278.

 VI ASPETTIAMO!

Laboratorio biodanza7.jpg

 

Il Centro Maia consiglia…

Standard

SOLE E MARE
di Fuad Aziz

immagine

 

Sole e Mare è il primo libro del nuovo marchio editoriale Matilda Editrice. Scritto e illustrato da Fuad Aziz, l’albo trae ispirazione dalle note fotografie di Nada Jaffal, che ritraggono la città di Gaza distrutta dai bombardamenti, e ci offre una storia che affronta il tema della guerra con delicatezza e rispetto. L’esperienza del dolore, della morte e della perdita sono presentate attraverso lo sguardo di Amina, una bambina, che pur vivendo nella disperazione e nella distruzione, cerca e trova un motivo per continuare a vivere. 
Sole e Mare è un racconto di facile comprensione che, attraverso la semplicità e il tratto coinvolgente delle immagini, svela e dà un nome a quelle emozioni forti e contrastanti che, spesso, molti bambini devono affrontare.
Buona lettura!


SCHEDA LIBRO
Autore: Fuad Aziz
Illustratore: Fuad Aziz
Edizione: Matilda Editrice – 2016
Fascia d’eta: dai 6 anni


(A cura di: Elisa Mazzella, Pedagogista) 

Il Centro Maia consiglia…

Standard

SPAZI-TANA, mi nascondo e mi conosco.

Edward Hall, è uno degli studiosi più celebri di Prossemica.

Questa disciplina si occupa di come le diverse culture fanno uso dello spazio e delle distanze spaziali nei rapporti interpersonali e non solo.

Hall, analizzando la dimensione spaziale “personale”, parla di “spazi cuscinetto”. Un concetto molto importante per la costruzione della storia personale dell’ uomo.
Gli “spazi cuscinetto” , sono spazi che permettono all’individuo di non “confondersi” con gli altri, di abitarli ed organizzarli a proprio piacimento, intimamente e senza intrusioni dal mondo esterno.
Questa necessità è riscontrabile anche nei bambini. Si pensi al piacere che manifestano i bimbi nel costruire una capanna, rifugiarsi dietro ad una tenda e magari, insieme ai propri giochi, rimanere “nascosti” per diverso tempo, raccontando storie e giocando da soli.

Può essere pertanto piacevole per loro avere all’interno della propria casa o della propria stanza, uno “spazio cuscinetto- personale”, in cui rifugiarsi e stare soli con se stessi.

Al di là della valenza ludica, questi spazi sono molto importanti per favorire la maturazione dell’identità, per percepirsi gradualmente come individui autonomi, diversi dagli altri nel corpo nella personalità.

Per la creazione di questi spazi-tana, può essere sufficiente applicare ad un mobile senza scaffali una tenda a scorrimento o applicarla con del velcro, rendere il “nascondiglio” comodo, con cuscini o coperte colorate e, sopratutto, allestirlo con oggetti “significativi” per il bambino, che contribuiranno così a dare un senso allo spazio stesso ( i cosiddetti oggetti transizionali: nanne, peluches preferite, copertine ecc..).

I bambini più grandi saranno inoltre felici di organizzare e riorganizzare lo spazio a proprio piacimento.

Buon divertimento e… buon nascondiglio!!

(A cura di: Alice Di Leva, educatrice)

thumbnail_Tana_articolo.jpg

Il Centro Maia consiglia…

Standard

…una ninna nanna!


THULA BABA THULA SANA
 South African lullaby

 


Dopo la pausa estiva riprendono i consigli musicali del Centro Maia con l’ascolto di una ninna nanna della tradizione africana: “Thula BabaThula Sana”. Normalmente conosciuto nella versione cantata a cappella o con accompagnamento strumentale, oggi proponiamo questo pezzo nella versione per chitarra classica del compositore e chitarrista Marek Pasieczny, che dona alla ninna nanna un carattere ancora più delicato e intimo.
Una piacevole miniatura musicale tutta da ascoltare ma sulla quale mamma e papà possono sussurrare un canto, creare parole e suoni, possono, magari, intonare il nome del piccolo, rendendo questa melodia unica e speciale per i suoi ricordi.

Buon ascolto!

(a cura di: Elisa Mazzella, Musicoterapista)

Il Centro Maia consiglia…

Standard

UNA RICETTA!


Ghiaccioli di frutta

Questo mese vi propongo una ricetta golosa a base di frutta che può diventare un gradevole spuntino per grandi e piccini nei caldi pomeriggi estivi!

ghiaccioli

Ingredienti per 12 ghiaccioli

  • 100 grammi fragole

  • 150 grammi polpa di kiwi

  • 150 grammi polpa di mango

  • 120 grammi zucchero (semolato o di canna)

  • 4 foglie di menta

  • ½ limone

  • 1 pizzico di zenzero

  • 300 grammi acqua

  • Stampi per ghiaccioli (o bicchieri di plastica)

Preparazione:

Dividete l’acqua in tre pentolini e in ognuno aggiungete 40 g di zucchero.

Preparate tre sciroppi che saranno la base dei preparati per i ghiaccioli ai tre frutti: fate fondere lo zucchero perfettamente, quindi spegnete.
Aggiungete nel primo pentolino la menta, nel secondo il succo di mezzo limone e nel terzo lo zenzero. Fate raffreddare completamente.

Tagliate nel frattempo i kiwi e il mango a pezzetti e le fragole a metà.

Frullate le fragole insieme allo sciroppo al limone, il mango insieme allo sciroppo allo zenzero e i kiwi insieme allo sciroppo alla menta.

Versate il preparato alla fragola negli stampi da ghiacciolo arrivando a 1/3 di altezza e mettete in freezer per 10 minuti.

Continuate con la base al mango e rimettete in freezer per altri 10 minuti.

Terminate con la base ai kiwi, inserite gli stecchi e congelate per almeno un paio d’ore.

(Fonte: http://www.unadonna.it/ricette/dolci-e-dessert/ghiaccioli-di-frutta/121579/. Consultato il 01/08/2016)


La dietista informa…

Il ghiacciolo preparato in casa con la frutta fresca è una ricetta che somma ai benefici del consumo di frutta quelli di uno spuntino goloso e rinfrescante. Può inoltre essere un modo per proporre la frutta a quei bimbi più restii a consumarla. I frutti indicati nella ricetta possono essere sostituiti con altra frutta fresca di stagione. Se variate il colore dei frutti scelti, aumenterete la varietà di vitamine e di sostanze antiossidanti presenti e renderete il vostro ghiacciolo più sfizioso alla vista! Nel ghiacciolo di frutta è presente anche la fibra dei frutti, dalle molteplici funzioni benefiche per l’intestino e per l’intero organismo.

Nel ghiacciolo si propone l’aggiunta di un pizzico di zenzero: si tratta di una spezia molto usata nella cucina orientale, reperibile sotto forma di rizoma (radice) fresca o in polvere.

Se si acquista fresco, lo si può conservare in frigorifero per 2-3 settimane; bisogna sbucciarlo solo quando lo si usa.

Lo zenzero ha numerose proprietà nutrizionali quali: efficacia per alcuni disturbi dell’apparato digerente, in particolare per le digestioni faticose e lente, nei casi di meteorismo, flatulenza e gonfiori intestinali, grazie alle sue proprietà carminative; antisettico; diuretico; antiinfiammatorio; antiemetico per chi soffre di mal d’auto, nausea e vomito nei primi mesi della gravidanza. Infine nella medicina araba viene considerato come afrodisiaco. Alcuni recenti studi hanno evidenziano una forte attività antiossidante di questa spezia.

(a cura di: dietista Marcella Serioli)