Il Centro Maia consiglia…

Standard

“È NECESSARIO IMPARARE EX NOVO COME POTREBBE ESSERE UNA NASCITA NON DISTURBATA DALLE CONSUETUDINI CULTURALI. ABBIAMO BISOGNO DI UN PUNTO DI RIFERIMENTO DA CUI CERCARE DI NON DEVIARE ECCESSIVAMENTE, E QUESTO E’ DECISAMENTE IL LOTUS BIRTH” 

Dott. Michel Odent, ottobre 2000

Risultato immagine per lotus birth

Lotus Birth è il modo più dolce, sensibile e rispettoso per entrare nella vita. Il parto lotus, chiamato così dal nome dell’infermiera che lo ha richiesto per la prima volta nel 1974 alla nascita di suo figlio, è caratterizzata dalla mancata recisione del cordone ombelicale e così il neonato rimane collegato alla sua placenta anche dopo il secondamento (ultima fase del parto in cui avviene l’espulsione della placenta.

Pochi giorni dopo la nascita (dai 5 ai 10, ma di media 3/4) il cordone  si separa naturalmente dall’ombelico del bambino.

Il distacco avviene quando entrambi, bambino e placenta, hanno realmente concluso il loro rapporto e decidono sia giunto il momento della separazione. 

Il contatto prolungato con la placenta permette al bambino di ricevere tutta la quantità del sangue placentare che è presente alla nascita e che la natura ha previsto per la costituzione del sistema immunitario. E’ come paragonare la nascita Lotus al lento processo di far crescere un bonsai. Tutto ha a che fare con la pazienza, sebbene un bonsai abbia bisogno di anni di cure, mentre una nascita Lotus solo di qualche giorno. Eppure la pazienza rituale è la stessa. Richiede alla madre, al bambino e alla placenta di riposare a letto dopo la nascita in una trinità, in una bolla spirituale di transizione. Questo permette ai tre di prendersi tutto il tempo e lo spazio per separarsi gradualmente e solo dopo si sento veramente pronti. Un tempo importante per stabilizzare il sistema respiratorio autonomo e gli altri organi.

Quindi un tempo che rallenta il processo del dopo nascita e porta la consapevolezza dei bisogni del neonato, permettendo che germoglino intimità e integrazione: il vero bonding, i cui benefici effetti accompagnano la famiglia nel corso della vita.

Il Lotus Birth è una bellissima e logica estensione della nascita naturale: ci invita a rispettare il cosiddetto secondamento, la fase in cui nasce la placenta, e ad onorare quest’ultima quale prima fonte di nutrimento del neonato.

A cura di: Francesca Picariello, ostetrica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...