Archivi categoria: genitori & figli: connessioni profonde

Genitori al tempo di Facebook: Chat, foto e privacy.

Standard
Genitori al tempo di Facebook
Il ciclo di incontri “Genitori & figli: connessioni profonde” ha raggiunto la sua seconda tappa il 20 marzo quando, dalle 20:45, presso la Palestra dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII, tante mamme e tanti papà (in alcuni casi in compagnia di figli e figlie) hanno preso parte all’incontro dal titolo “Genitori al tempo di Facebook: Chat, foto e privacy”, tenuto da Federico Di Leva e Fabio Calvosa di Web Atlas.
Introdotto dall’assessore Marina Grassani e da Laura Carbonati di Centro Maia, questo momento di discussione ha posto genitori e ragazzi di fronte a tematiche quali la potenziale diffusione delle immagini su Facebook, WhatsApp e Instagram, approfondendo alcuni aspetti sul trattamento dei dati da parte di Facebook Inc.
Il tutto con un atteggiamento volto a sensibilizzare i presenti (grandi e piccoli) circa le grandi potenzialità offerte dai social network e, nel contempo, per cercare di acuire la consapevolezza di come questi potentissimi “strumenti di socializzazione di massa” necessitino di un monitoraggio sempre più attento e costante, affinché non si corra il rischio di perdere il controllo di ciò che è proprio: un numero di telefono, una foto, un dato.
In un mondo che, sempre più spesso, confonde intimità e spazio pubblico, privacy e apparenza, Fabio Calvosa e Federico Di Leva hanno portato articoli di giornale, spunti di riflessione e approfondimenti che, a termine dell’intervento, sono stati messi a disposizione di tutti i presenti, per una futura consultazione, al link webatlas.it/connessioniprofonde, ove verranno ospitati anche i materiali e gli spunti per il terzo incontro del ciclo. Terzo incontro che vedrà sempre la partecipazione del marchio Web Atlas e che avrà, per tema, “Mamme e papà ai tempi di Facebook: strumenti e anticorpi”, si terrà martedì 17 aprile 2018, dalle 20:45 alle 22:45, sempre ad Arona, presso l’Associazione Extra e il Centro Perinatale Maia via Fratelli Bandiera 17.

 

 

Prossimi incontri:
 locandina connessioni profonde
Annunci

Media education, nuove responsabilità genitoriali ai tempi del web.

Standard

Genitori & figli: connessioni profonde. 

L’intervento, dal titolo “Media education, nuove responsabilità genitoriali ai tempi del web.” cerca fin da subito di scardinare stereotipi, false credenze e informazioni inesatte a cui molto spesso siamo sottoposti quando parliamo di nuove tecnologie, sopratutto in relazione a bambini e ragazzi.
In seguito ad un’analisi di dati rispecchianti tempi e modalità di utilizzo dei mobile device da parte dei bambini, la riflessione si è spostata sulla necessità di lavorare ad un’educazione ai media che coinvolga in prima persona gli adulti. Una sorta di educazione alimentare che normi l’utilizzo dei mobile device, al fine di seguire una “dieta mediale” equilibrata. Alla necessità di normare l’utilizzo dei mobile device in bambini e ragazzi, vinene ribadita la necessità di conoscere a fondo tali strumenti per educare e per non vivere in balìa di quelli che dovrebbero essere strumenti nelle mani di utilizzatori competenti, adulti e bambini che siano. L’invito finale è quello di impegnarsi alla costruzione di un piano di utilizzo dei media condiviso e rispettato da tutta la famiglia.
Il prossimo intervento, “Genitori al tempo di Facebook. Chat, foto e privacy.” avrà luogo il 20 marzo alle ore 20:45, presso la palestra dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII via Monterosa, 36, Arona.
Condurranno l’incontro gli esperti di web Federico Di Leva e Fabio Calvosa.
Prossimi incontri:
locandina connessioni profonde

Incontri gratuiti per genitori e figli sull’uso consapevole dei new media

Standard

Sabato 10 Marzo ore 10.00 presso la palestra dell’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII in via Monterosa 36 ad Arona, avrà inizio il progetto “Genitori & figli: connessioni profonde”, realizzato dal Centro Perinatale Maia e dall’Associazione Extra  con il contributo di Family like e i servizi alla persona del Comune di Arona.

Il progetto offre alle famiglie del territorio aronese incontri tematici e attività laboratoriali sull’uso consapevole dei new media. Tale tema è stato scelto dal Centro Perinatale Maia e dall’Associazione Extra in risposta ai bisogni espressi dai genitori che sono a contatto con le due realtà. L’obiettivo è quello di fornire non solo informazioni e conoscenze specifiche sulla tematica trattata ma anche strumenti concreti che possano supportare genitori e figli nell’uso quotidiano delle nuove tecnologie, dando particolare rilievo agli aspetti educativi e di prevenzione.

Il percorso sarà strutturato in tredici incontri per una durata biennale, tutti con ingresso gratuito.

Per iscriversi agli incontri è necessario inviare una mail a segreteriaconnessioniprofonde@gmail.com. Per info telefonare al 392.5694549.

Primo incontro: “Media Education, nuove responsabilità genitoriali ai tempi del web”, dedicato a genitori e professionisti che operano in ambito educativo, per fornire strumenti ed educarsi ed educare all’approccio au mobile device. L’incontro sarà tenuto da Alice Di Leva, dott.ssa in Scienze dell’Educazione.

Per scaricare il volantino in PDF clicca qui: locandina Progetto Genitori e figli connessioni profonde

locandina connessioni profonde.jpg

Genitori e figli: connessioni profonde

Standard

Martedì 23 gennaio alle ore 18 presso i locali del Wood il Centro Perinatale Maia, l’Associazione Extra e i Servizi alla persona del Comune di Arona hanno presentato il progetto “Genitori e figli: connessioni profonde”, che sarà realizzato all’interno dei Nuovi Servizi Family Like.
Il progetto offre alle famiglie del territorio aronese incontri tematici e attività laboratoriali sull’uso consapevole dei new media. Tale tema è stato scelto dal Centro Perinatale Maia e dall’Associazione Extra in risposta ai bisogni espressi dai genitori che sono a contatto con le due realtà. L’obiettivo è quello di fornire non solo informazioni e conoscenze specifiche sulla tematica trattata ma anche strumenti concreti che possano supportare genitori e figli nell’uso quotidiano delle nuove tecnologie, dando particolare rilievo agli aspetti educativi e di prevenzione.
Sabato 24 febbraio ore 10.00 il primo dei tredici incontri previsti che si svolgeranno nell’arco di due anni.

20180123_19311520180123_19280420180123_19285220180123_191826