Archivi categoria: Senza categoria

FESTA DELLA MAMMA

Standard

Il Centro Maia vi dedica questa poesia di uno scrittore italiano vissuto agli inizi del ‘900: Edmondo de Amicis. Un tempo che sembra lontano, ma in questa poesia vogliamo RINGRAZIARE tutte le mamme, e nelle parole di questo artista tutte le mamme del mondo possono ritrovarsi e rivedersi.

“FESTA DELLA MAMMA” due consigli di lettura…..

Standard

Cuore di mamma

Libro di Isabel Minhós Martins

Percentuale di utenti a cui è piaciuto questo libro: 88%

Il cuore della mamma non è solo un muscolo che batte di continuo. È un luogo magico dove succedono cose straordinarie…

Età di lettura: da 3 anni.

Mamma

Un amore unico e universale in 31 ritratti: mamme di tutto il mondo, così diverse eppure così simili ogni volta che tengono in braccio il loro bambino. Un legame lungo una vita. Anzi, due.

Età di lettura: da 6 anni.

Serata tematica “Infanzia e Covid”

Standard

La situazione difficile nella quale ci troviamo coinvolge tutti, grandi e piccoli, le restrizioni hanno portato a dover modificare le abitudini, a discapito del bisogno naturale e fondamentale di socializzazione. Questo è molto sentito soprattutto nei bambini, dove, il bisogno di ritrovarsi tra pari è molto sentito.

Il Centro Maia propone un incontro di riflessione sull’impatto della pandemia sui bambini, come riconoscere i segnali di disagio e dare strumenti e strategie per mantere una buona relazione familiare anche in questo difficile momento.

Chiara e “Cucino con te…” per la festa del papà.

Standard

Ecco una dolce ricetta per festeggiare il nostro Super Eroe di casa: il Papà!!!! una ricetta semplice a cui potrete dare nuove forme!! I nostri piccoli cuochi possono creare delle palline di salame di cioccolato, o potete anche utilizzare delle formine per farne dei biscotti stendendo l’impasto su un foglio di carta da forno. Se l’impasto è troppo morbidoe appicicoso lasciatelo alcuni minuti in frigorifero.

Buon appetito e tanti auguri a tutti i papà!!!

Citazione

Auguri Papà!!!!

“Ho imparato che quando un neonato stringe per la prima volta il dito del padre nel suo piccolo pugno, l’ha catturato per sempre”

(G. G. Marquez)

Per festeggiare questa ricorrenza insieme ai vostri bambini, vi proponiamo due albi illustrati:

Le mani del papà

Prima ancora che un bebè nasca ci sono le mani di papà ad attenderlo; mani che coccolano, che accolgono, mani che accompagnano, mani che aiutano a crescere. Finchè, un giorno o l’altro, magari senza preavviso, arriva il momento in cui il bimbo lascia le mani di papà per muovere, da solo, i primi passi. Bravo bebè! Età di lettura dai 3 anni.

Papà isola

C’era una volata un’orsa che si chiamava Betty e un orso che si chiamava Gigi. L’orso Gigi presto sarebbe diventato papà …. Età di lettura: da 3 anni

la “Festa del Papà” si avvicina….

Standard

Occasione per riflettere su questa figura così importante, ma spesso un pò trascurata. Il Centro Maia propone due serate on line, sulla piattaforma Zoom,. che vogliono essere spunti di riflessione psicologici ma non solo.

Il primo, rivolto alle mamme, si terrà lunedì 15 marzo alle ore 21.00 e sarà condotto da Laura Carbonati (Psicoterapeuta) e Angelarita Miglietta (Pedagogista Clinico) e si approfondirà la figura paterna all’interno della famiglia.

Il secondo, condotto da Luca Carpino (Psicoterapeuta) sarà venerdì 26 marzo alle ore 21.00, è rivolto ai papà, sia che siano alle prime armi che esperti, uno spazio di confronto, discussione e riflessione.

Costo del singolo incontro 15 euro, per entrambi 25 euro.

E’ necessaria l’iscrizione poichè le serate si terranno solo a raggingimento di un mumero minimo di partecipanti

San Valentino … un momento di lettura che parla d’amore….

Standard

Una lettura dedicata a mamma e papà, dove trovare tutte le sfaccettature dell’amore, coadiuvate da bellissime illustrazioni e testi poetici.

“Ecco quindi un libro da regalare o regalarsi, ma in ogni caso da sfogliare insieme. Perchè in questa travolgente galleria di storie e personaggi (che scorrono davanti ai nostri occhi quasi come in una pellicola), così ben delineati attraverso il tratto lieve ma inciviso di Quentin Grèban e le parole toccanti di Hélène Delforge, non sarà difficile rivedere un pò di sè stessi.” tratto da Rassegna Stampa.